La Grava di Gasbarrone – 18/11/17

La giornata di sabato è stata dedicata ad una nuova battuta esplorativa nel bosco di Cerasolo, per approfondire la conoscenza di alcune cavità segnalate in passato da Sergio Gilioli e ritrovate ultimamente dal gruppo sotto sua indicazione. In particolare l’attenzione si è soffermata sull’indagine della Grava di Gasbarrone di cui si hanno pochissime informazioni […] “Nell’intrigo di alberi e roccia, dove è facile perdersi, si aprono all’improvviso pozzi verticali profondi fino a qualche decina di metri, molti dei quali, pur se già esplorati, sono difficili da ritrovare una seconda volta. Il più noto tra questi è la Grava di Gasbarrone, profondo pozzo a forma di campana terminante in un’antica frana, su cui si sono infrante le illusioni di molti speleologi abruzzesi degli anni settanta, che speravano di trovarvi l’accesso ad un sistema sotterraneo di spettacolari dimensioni, di cui del resto ancor oggi non si esclude l’esistenza” […] tratto dalle Note Illustrative de I Sentieri Montani della Provincia dell’Aquila n°2. Il Bosco di Cerasolo nasconde sotto la sua faggeta un interessantissimo complesso carsico di depressioni imbutiformi, ricco di doline e campi carreggiati, che sicuramente sarà una valida meta per ulteriori indagini esplorative speleologiche. S.C.

Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi