Acquedotto delle Uccole – 11/06/17

Domenica 11 giugno due soci del GGFAQ si sono recati nei pressi di Raiano per compiere un’uscita fotografica di speleologia urbana lungo il canale detto Via delle Uccole. La magnifica opera idraulica, datata più di duemila anni, è stata scavata a mezza costa dai Romani lungo le ripide pareti delle Gole di San Venanzio, a strapiombo sul fiume Aterno. Le “uccole” sarebbero le aperture, gli sfiatatoi dell’antico acquedotto. All’interno in diversi punti sono ancora visibili i livelli di tracimazione dell’acqua, oggi del tutto assente. Recenti crolli hanno interrotto alcuni tratti di questo interessantissimo percorso archeologico dallo sviluppo di circa quattro chilometri, tuttavia rimasto invariato di bellezza e importanza. S.C.

Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi